helloimpresa.com

Feedback
SEI IN Imprenditoria Consorzi & Cooperative Le cantinee cooperative associate a Fedagri leader anche nell'export

0 voti

Le cantine cooperative stanno sempre più consolidando la loro presenza sui mercati esteri

Le cantinee cooperative associate a Fedagri leader anche nell'export

Hanno raggiunto la quota record di 1,2 miliardi di euro i ricavi derivanti dall’export delle cantine cooperative associate a Fedagri: un risultato assolutamente in linea con il trend dell’export vitivinicolo, che ha chiuso l’anno a quota 5,1 miliardi di euro

ARTICOLI CORRELATI

ALTRE NOTIZIE

Hanno raggiunto la quota record di 1,2 miliardi di euro i ricavi derivanti dall’export delle cantine cooperative associate a Fedagri: un risultato assolutamente in linea con il trend dell’export vitivinicolo, che ha chiuso l’anno a quota 5,1 miliardi di euro. Lo ha annunciato il Presidente di Fedagri-Confcooperative Giorgio Mercuri nel corso di una conferenza stampa che si è svolta a Roma.

Le cantine cooperative stanno sempre più consolidando la loro presenza sui mercati esteri, tanto che in molte di esse le vendite all’estero rappresentano oltre il 50% del fatturato generato. È il caso delle di Mezzacorona, con l’82% di quota fatturato derivato dall’export (133 milioni su un totale di 163), o della cantina La Marca di Oderzo (Treviso), leader nella produzione di Prosecco Doc, che fattura 55 milioni di euro di cui il 70%, pari a 42 milioni, generato dall’export, o ancora della trentina Cavit, in cui i ricavi dall’estero sono pari a 119 milioni su un totale di 153, pari al 78%.

Significativa anche le performance economiche del Gruppo Caviro, i cui ricavi dalle esportazioni ammontano a oltre 75 milioni di euro (27% su un totale di 327 milioni), che, come ha ricordato il Direttore generale Sergio Dagnino in conferenza stampa, è la prima azienda italiana in Germania e Russia sia a volume che a valore e la prima in Francia a volume; in Gran Bretagna e in Spagna è oggi la seconda azienda a valore e volume. Caviro è inoltre proprietaria del marchio Tavernello, il primo marchio italiano nel mondo.

Ma le esportazioni interessano anche realtà di medie o piccole dimensioni: è il caso ad esempio della cantina Trinitapoli, situata ai confini delle province di Foggia e Bari, che produce 16 milioni di litri di vino per 5 milioni di fatturato. Dopo aver ottenuto nel 2011 il riconoscimento della Doc Tavoliere delle Puglie per il suo vitigno autoctono Nero di Troia, ha trovato nuovo slancio per le esportazioni ed oggi vende i suoi vini, oltre che in Europa, fino al Canada, dove le bottiglie sono entrate anche in ristoranti di Montreal.

Di tutti i settori agroalimentari, il vino è sicuramente il comparto cooperativo maggiormente internazionalizzato con il 58% delle cantine che può essere definito esportatore abituale. Tra i mercati di maggior interesse vi è la Germania, in cui esportano l’83% delle cooperative esportatrici di Fedagri, gli Stati Uniti con il 45%, mentre con il 35% seguono Canada, Svizzera e Gran Bretagna, anch’essi mercati di grande rilevanza per i valori ed i volumi fatti registrare in termini di vino importato.

 

Pierluigi Prencipe
REDAZIONE ONLINE
Iscritto dal 12-10-2011

Lascia la tua opinione


Registrati gratis, la tua opinione sarà visualizzata nel post-it del sito

0
OPINIONI

Lascia la tua opinione

Registrati gratis e la tua opinione apparirà in Home page

Codice di sicurezza
Aggiorna

Vistatori/Mese

2890082

Pagine/Mese

3650024

Pageviews/User

1,8

Traffico/Mese

39,13GB

Time on Site

2:43

Search % Google

7,7%

Alexa Rank

31580

% Bounce

65%

Utilizziamo i cookie per migliorare la vostra esperienza di navigazione. Continuando a navigare nel sito si accetta la nostra politica cookie.ok