helloimpresa.com

Feedback
SEI IN Imprese & Mercati Finanza & Mercati Banche italiane al setaccio!

0 voti

Indagine di Altroconsumo Finanza su 300 Istituti di credito.

Banche italiane al setaccio!

Il 75% delle banche ottiene un giudizio di almeno tre stelle.

ARTICOLI CORRELATI

ALTRE NOTIZIE

Nessuna banca è immune al 100% da rischio. Lo afferma l’indagine condotta da Altroconsumo Finanza sul sistema bancario italiano, che nel complesso appare molto solido: oltre il 75% delle banche analizzate ottengono un giudizio più che lusinghiero, almeno 3 stelle. Nel gruppo delle banche con rating 1 stella, quasi tutte hanno i requisiti minimi per far fronte ai propri obblighi e pochissimi sono i casi problematici.

Per tutelarsi, tuttavia, occorre sempre seguire alcune regole di base: non superare i 100.000 euro per depositante sul conto corrente e non acquistare azioni bancarie non quotate e vendere le obbligazioni bancarie.

Lo studio di Altroconsumo ha analizzato l’affidabilità di 291 banche (con almeno 10 sportelli) dando un punteggio da 5 a 1 stella: 5 stelle indicano le banche più affidabili fino a 1 stella.

Il fatto che la stragrande maggioranza delle banche raggiunga con facilità le valutazioni più alte, non deve far dimenticare quella minima parte di casi problematici per i quali i risparmiatori potrebbero essere chiamati a pagare di tasca propria.

“Nonostante il sistema bancario sia nel complesso sicuro, in questo momento il mercato non valuta correttamente il mutato profilo rischio-rendimento delle obbligazioni bancarie, remunerando troppo poco i risparmiatori che le detengono. La miglior cosa da fare è vendere le obbligazioni bancarie in portafoglio” - commenta Vincenzo Somma, direttore di Altroconsumo Finanza. “Con la nuova normativa sul bail-in, che entra in vigore a gennaio, è diffuso il timore tra i risparmiatori sulla fine dei loro soldi se la banca in cui sono stati depositati fallisse. Si tratta di una preoccupazione seria che ci sta molto a cuore, per questo abbiamo deciso di indagare trecento banche scelte tra quelle che hanno più di 10 sportelli e di vedere se sono affidabili o meno. Quindi – continua Somma - abbiamo dato loro i voti, come si fa con gli alberghi, da una a cinque stelle. A cinque stelle abbiamo le banche che, dati alla mano, ci paiono più solide, con una stella quelle per cui, sempre dati alla mano, siamo un po' perplessi e ti consigliamo di farti qualche esamino di coscienza (vedi sotto). A queste cinque categorie va poi aggiunta una manciata di altre banche, quelle senza voto perché sono già in crisi e quindi commissariate. Da queste banche è meglio stare alla larga”.

Per stilare questa classifica, Altroconsumo ha impiegato utilizzato due indicatori usati anche dalla Bce: il common equity tier 1 (spesso lo trovi indicato come Cet1 ratio) e il Total capital ratio, che valutano quanto una banca è in grado di fronteggiare eventuali difficoltà nel recuperare i prestiti concessi. Entrambi rapportano il patrimonio al totale degli impegni assunti dalla banca, ma il primo è più “severo” nel definire il patrimonio. Il Cet1 ratio tiene in considerazione solo il capitale vero e proprio (quanto pagato all’emissione delle azioni e gli utili accumulati), il Total capital ratio considera anche altri strumenti, ad esempio alcuni tipi di bond subordinati, considerati “quasi-capitale”.

Questo capitale viene poi rapportato al totale degli impegni assunti dalla banca, ad esempio concedendo prestiti. In pratica, quindi, questi rapporti ti dicono quanto la banca è in grado di fronteggiare eventuali difficoltà nel recuperare i prestiti concessi. I dati così ottenuti sono stati riassunti con delle stelle e con un numero: un punteggio pari a 100 indica che per gli indicatori esaminati la banca rispetta esattamente i limiti del 7% e del 10,5% (per uniformità, anche per le banche a cui la Banca centrale europea chiede limiti diversi).

Più il punteggio sale più la banca sta sopra questi valori in maniera proporzionale. Ad esempio se presenta valori pari al doppio di quanto richiesto dalla Banca centrale europea l'indice diventa 200. Morale, più il punteggio è alto meglio è.

Le banche commissariate:Banca di Cascina Credito Cooperativo Banca Popolare delle Province Calabre BCC Banca Brutia BCC di Terra d'Otranto BCC Irpina Cassa di Risparmio di Loreto Cassa Rurale di Folgaria Bcc GBM Banca Istituto per il credito sportivo

Le 10 banche con il rating più alto:

Banca o gruppo bancario                         Punteggio (1) Rating AF (2)

Banca Carime                                                507,5              *****

Binck Bank                                                     457,14            *****

Ubi banca (spa)                                              455,81            *****

Aletti & C Banca di Investimento Mobiliare    289,64             *****

Banca Agricola Popolare di Ragusa              283,53             *****

Intesa Sanpaolo (spa)                                    276,19             *****

Unicredit (spa)                                                270,1              *****

BCC di Staranzano e Villesse                        269,11             *****

Casse di Risparmio dell'Umbria                     266,67             *****

Banca Malatestiana Credito Cooperativo       261,31             *****

(1) Punteggio calcolato da Altroconsumo Finanza sulla base dell’ultimo Cet1 e total capital ratio disponibile.

(2) Una stella indica le banche meno affidabili, 5 stelle le più sicure. Le banche che pubblicano solo annualmente il dato, e non fanno parte di un gruppo che fornisce informazioni infrannuali, sono state penalizzate di una stella. 

Giovanni Ierfone
GIORNALISTA
REDAZIONE ONLINE
Iscritto dal 27-05-2011

Lascia la tua opinione


Registrati gratis, la tua opinione sarà visualizzata nel post-it del sito

0
OPINIONI

Lascia la tua opinione

Registrati gratis e la tua opinione apparirà in Home page

Codice di sicurezza
Aggiorna

Vistatori/Mese

2890082

Pagine/Mese

3650024

Pageviews/User

1,8

Traffico/Mese

39,13GB

Time on Site

2:43

Search % Google

7,7%

Alexa Rank

31580

% Bounce

65%

Utilizziamo i cookie per migliorare la vostra esperienza di navigazione. Continuando a navigare nel sito si accetta la nostra politica cookie.ok