helloimpresa.com

Feedback
SEI IN Made in Italy Moda & Motori Moda Italiana in Cina, previsto un aumento del 25% nel 2016

0 voti

Calano le top griffe ma cresce la moda di qualità a prezzo più accessibile. Il gruppo cinese IFFG riapre gli Open Day a Milano

Moda Italiana in Cina, previsto un aumento del 25% nel 2016

Dopo l’aumento record del 32% nel 2015, la moda italiana donna potrebbe crescere ancora nel 2016, di circa il 25%, soprattutto nel comparto del middle luxury grazie ad una forte richiesta di capi di qualità ma a prezzo accessibile

ARTICOLI CORRELATI

ALTRE NOTIZIE

Dopo l’aumento record del 32% nel 2015, la moda italiana donna potrebbe crescere ancora nel 2016, di circa il 25%, soprattutto nel comparto del middle luxury grazie ad una forte richiesta di capi di qualità ma a prezzo accessibile. Le top griffe della moda italiana hanno scontato una flessione nel mercato cinese nel 2015, anche a causa di prezzi troppo elevati nella distribuzione cinese, a volte superiori del 50% rispetto a quelli dei negozi italiani. Non a caso la cronaca milanese ha fatto registrare qualche settimana fa diversi casi di “contrabbando” di capi di moda italiani delle top griffe verso la Cina.

“La domanda cinese sta cambiando – ha spiegato Giacomo Gardumi, Ceo di Retaily Shanghai – e analizzando i dati del primo bimestre si prevede una crescita di un ulteriore 25% nell’import cinese di moda italiana donna nel 2016, concentrato soprattutto nei capi italiani di qualità, ma di prezzo accessibile. Gli acquisti di moda italiana ormai interessano un ampio strato di cittadini cinesi, certamente benestanti, ma non miliardari”.

Seguendo questo trend, il gruppo di distribuzione cinese IFF, apre una seconda fase di selezione delle aziende italiane della moda durante gli Open Day di aprile (4/15 aprile, in via Cerva 14 a Milano. Per informazioni: marketing@retaily.it).

Nel corso della prima fase, oltre 100 aziende italiane hanno già stretto accordi commerciali con IFFG, e circa 50 di queste entreranno nel primo Concept Store del gruppo, che aprirà a settembre 2016 a Shanghai.

Ai marchi italiani vengono proposti accordi commerciali della durata di 5 anni che prevedono l’acquisto di prodotto vincolato al rilascio di un’esclusiva distributiva estesa a tutto il territorio cinese. Gli investimenti sono a costo zero per le aziende italiane e IFFG garantisce prezzi più accessibili sul mercato cinese, vicini a quelli del mercato italiano. Le categorie stilistiche ricercate sono: Light couture, Prêt-à-porter Chic Classic e Stylish Capsule.

 

Pierluigi Prencipe
REDAZIONE ONLINE
Iscritto dal 12-10-2011

Lascia la tua opinione


Registrati gratis, la tua opinione sarà visualizzata nel post-it del sito

0
OPINIONI

Lascia la tua opinione

Registrati gratis e la tua opinione apparirà in Home page

Codice di sicurezza
Aggiorna

Vistatori/Mese

2890082

Pagine/Mese

3650024

Pageviews/User

1,8

Traffico/Mese

39,13GB

Time on Site

2:43

Search % Google

7,7%

Alexa Rank

31580

% Bounce

65%

Utilizziamo i cookie per migliorare la vostra esperienza di navigazione. Continuando a navigare nel sito si accetta la nostra politica cookie.ok